Cristiana Amico

Cristiana ha 26 anni, è una giovane professionista che parla con il sorriso ogni qualvolta accenna ai suoi “piccoli pazienti”. Lavora come infermiera in un reparto di pediatria e con i bambini e il loro dolore si scontra ogni giorno. “Incontrare un bambino che non sta bene non è mai facile ma è essenziale prendersi cura di loro, per noi infermieri. Un aspetto di cui si parla meno è il contatto con i genitori, necessario nel nostro lavoro. È una triade inscindibile: non è possibile prendersi cura di un bambino e non prendersi cura dei suoi genitori.” Il giusto equilibrio tra empatia e professionalità le permette di rapportarsi con i bimbi e il loro genitori. “È importante sapersi mettere in una posizione di ascolto ed entrare nell’intimità di queste persone.” Quando poi si parla del reparto di terapia intensiva neonatale il suo sguardo si fa serio, intenso e le sue parole ferme, mature: “L'infermiere di una terapia intensiva neonatale non deve saper solo parlare, deve saper innanzitutto ascoltare”.  La comunicazione con i genitori dei bambini prematuri è difficile di per sé, ma durante questo periodo lo è ancora di più: “Sono venuti a mancare gli sguardi, che in alcuni momenti sono fondamentali; come quando non si trovano le parole giuste e il silenzio fa rumore. In quegli attimi, guardarsi negli occhi è l’unico modo per comunicare”. Il Covid-19 ha cambiato ogni dinamica, ha costretto mamme e papà ad allontanarsi dalle terapie intensive neonatali, ad allontanarsi dai propri bambini. Ha amplificato le loro paure. “Sostituirsi ai genitori non è semplice e diciamocelo pure, non è realmente possibile” ma Cristiana e i suoi colleghi stanno facendo di tutto pur di far percepire alle mamme e ai papà la vicinanza dei loro bambini. Lo fanno quotidianamente tramite smartphone e tablet, gli unici mezzi di comunicazione che permettono una connessione sicura, attraverso cui stabilire un rapporto umano. Nel corso delle settimane hanno trovato modi alternativi per far mostrare i bambini ai loro genitori: mandando foto attraverso la mail aziendale e programmando chiamate, al mattino con i medici per le notizie cliniche e il pomeriggio con gli infermieri per raccontare la giornata dei loro figli. Chiamate intense, che si succedevano giorno dopo giorno, tra lacrime di commozione e sorrisi. Chiamate che rasserenavano madri e padri sconfortati, impauriti. Chiamate che tendevano un filo che neanche il Covid è riuscito minare, grazie al lavoro degli infermieri.  Un momento come questo ha reso visibile ancor di più l’importanza degli infermieri, unico ponte tra genitori lontani e bimbi appena nati, indifesi, con un bisogno immenso di cure e di affetto. Questa la professionalità degli infermieri, pronti a tendere il filo di una relazione, al di la della situazione che stiamo affrontando. La stiamo guardando in faccia l’umanità degli infermieri. Non eroi, ma professionisti attenti, persone dedite al proprio lavoro. Attraversare un periodo di emergenza sanitaria in un reparto di terapia intensiva cambia ulteriormente il modo di vedere la vita: “È cresciuta in me la voglia di ascoltare ancor di più tutto ciò che ruota intorno ad un neonato prematuro. Di ascoltare i genitori, seppur distanti in questo momento, di accogliere le loro paure e prendermene cura con maggior forza.” Ci hanno chiamato Eroi, ma siamo professionisti e prima ancora siamo persone, che continuano ogni giorno a lavorare con dedizione. In questo momento abbiamo bisogno di una mano tesa, quella di tutti voi. Supporta Cristiana. Dona agli infermieri in difficoltà.

Cristiana Amico

Raccolta Fondi di FNOPI

Cristiana ha 26 anni, è una giovane professionista che parla con il sorriso ogni qualvolta accenna ai suoi “piccoli pazienti”. Lavora come infermiera in un reparto di pediatria e con i bambini e il loro dolore si scontra ogni giorno. 

“Incontrare un bambino che non sta bene non è mai facile ma è essenziale prendersi cura di loro, per noi infermieri. Un aspetto di cui si parla meno è il contatto con i genitori, necessario nel nostro lavoro. È una triade inscindibile: non è possibile prendersi cura di un bambino e non prendersi cura dei suoi genitori.” 

Il giusto equilibrio tra empatia e professionalità le permette di rapportarsi con i bimbi e il loro genitori. 

“È importante sapersi mettere in una posizione di ascolto ed entrare nell’intimità di queste persone.” 

Quando poi si parla del reparto di terapia intensiva neonatale il suo sguardo si fa serio, intenso e le sue parole ferme, mature: “L'infermiere di una terapia intensiva neonatale non deve saper solo parlare, deve saper innanzitutto ascoltare”. 

 La comunicazione con i genitori dei bambini prematuri è difficile di per sé, ma durante questo periodo lo è ancora di più: “Sono venuti a mancare gli sguardi, che in alcuni momenti sono fondamentali; come quando non si trovano le parole giuste e il silenzio fa rumore. In quegli attimi, guardarsi negli occhi è l’unico modo per comunicare”. 

Il Covid-19 ha cambiato ogni dinamica, ha costretto mamme e papà ad allontanarsi dalle terapie intensive neonatali, ad allontanarsi dai propri bambini. Ha amplificato le loro paure. 

“Sostituirsi ai genitori non è semplice e diciamocelo pure, non è realmente possibile” ma Cristiana e i suoi colleghi stanno facendo di tutto pur di far percepire alle mamme e ai papà la vicinanza dei loro bambini. Lo fanno quotidianamente tramite smartphone e tablet, gli unici mezzi di comunicazione che permettono una connessione sicura, attraverso cui stabilire un rapporto umano. 

Nel corso delle settimane hanno trovato modi alternativi per far mostrare i bambini ai loro genitori: mandando foto attraverso la mail aziendale e programmando chiamate, al mattino con i medici per le notizie cliniche e il pomeriggio con gli infermieri per raccontare la giornata dei loro figli. Chiamate intense, che si succedevano giorno dopo giorno, tra lacrime di commozione e sorrisi. Chiamate che rasserenavano madri e padri sconfortati, impauriti. Chiamate che tendevano un filo che neanche il Covid è riuscito minare, grazie al lavoro degli infermieri. 

 Un momento come questo ha reso visibile ancor di più l’importanza degli infermieri, unico ponte tra genitori lontani e bimbi appena nati, indifesi, con un bisogno immenso di cure e di affetto. 
Questa la professionalità degli infermieri, pronti a tendere il filo di una relazione, al di la della situazione che stiamo affrontando. 
La stiamo guardando in faccia l’umanità degli infermieri. Non eroi, ma professionisti attenti, persone
dedite al proprio lavoro. 

Attraversare un periodo di emergenza sanitaria in un reparto di terapia intensiva cambia ulteriormente il modo di vedere la vita: “È cresciuta in me la voglia di ascoltare ancor di più tutto ciò che ruota intorno ad un neonato prematuro. Di ascoltare i genitori, seppur distanti in questo momento, di accogliere le loro paure e prendermene cura con maggior forza.” 

Ci hanno chiamato Eroi, ma siamo professionisti e prima ancora siamo persone, che continuano ogni giorno a lavorare con dedizione. In questo momento abbiamo bisogno di una mano tesa, quella di tutti voi. 

Supporta Cristiana. 
Dona agli infermieri in difficoltà.

3.431.515 €

57%
6.000.000 €

SOSTIENI IL PROGETTO:

crea la tua raccolta fondi
o dona per una già attiva

Condividi
La raccolta sostiene: NOI CON GLI INFERMIERI

Aiutiamo gli Infermieri impegnati in prima linea

Puoi donare anche per

TORNARE ALLA NORMALITÀ

FNOPI

Dona per la raccolta: Noi con gli infermieri che si sono ammalati

Sostegno agli infermieri per cure mediche, riabilitative, psicologiche

860.096 €

-36 Giorni
86%
1.000.000 €

LONTANI MA MAI SOLI

FNOPI

Dona per la raccolta: Noi con gli infermieri lontani da casa

Sostegno agli infermieri in quarantena costretti ad abbandonare i propri cari

857.136 €

-36 Giorni
86%
1.000.000 €

DONA ORA

DONA ORA
DONA ONLINE oppure tramite Bonifico Bancario sull’Iban IT91P0326803204052894671510 intestato a FEDERAZIONE NAZIONALE ORDINI PROFESSIONI INFERMIERISTICHE.
Causale di versamento: Fondo di Solidarietà NOI CON GLI INFERMIERI

Per informazioni e assistenza scrivi a dona@fnopi.it oppure chiama il numero 349/8201173 attivo dal lunedì al venerdì dalle ore 9.30 alle 12.30

100%

L'intero ammontare delle donazioni andrà in favore degli infermieri e delle loro famiglie.

Tutti i costi di gestione del progetto, infatti, saranno solo ed unicamente a carico della FNOPI.
© 2020 FNOPI - Federazione Nazionale Ordini Professioni Infermieristiche
Powered by Asset Roma

#NoiConGliInfermieri è un’iniziativa di FNOPI

Main donors
Con il patrocinio di

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi